Max Bunker

Max Bunker, fumetti e biografia del più prolifico fumettista italiano

[autore]

Max Bunker


Max Bunker è lo pseudonimo che Luciano Secchi ha utilizzato per firmare la maggior parte delle storie a fumetti che ha scritto.
Prolificissimo autore ha creato una grandissima varietà di personaggi di tutti i generi e di varia qualità ma sempre con una costante attenzione a quelle che sono state nel tempo le esigenze del pubblico ed un occhio rivolto alla società sia per assecondare le mode che per dare le necessarie scosse al pubblico anticipando i gusti nel momento in cui i tempi fossero stati maturi.
E' nato a Milano il 24 agosto 1939 ed ha iniziato a lavorare nel campo dei fumetti nel 1962 con il personaggio di Maschera nera da lui creato e curato graficamente da Paolo Piffarerio, disegnatore con cui Bunker avrà spesso a che fare nel corso della sua lunga carriera.
La casa editrice per la quale crea il personaggio è l'Editoriale Corno, la stessa Corno a cui darà il successo con i suoi personaggi di Kriminal e Satanik.
In questi primi anni alla Corno realizza fumetti di vario tipo (fantascienza, western, avventura) da Atomik a Milord, da El Gringo a Kim della Jungla (uno dei tanti eroi 'selvaggi' nati sulla scia di Tarzan).

Il grande salto lo si ha nel 1964 quando, alla ricerca di un disegnatore per delle serie a tinte forti che ha in mente, si presenta in redazione un talentuoso giovane con tanta voglia di fare, un tale Roberto Raviola che diventerà poi noto al grande pubblico con l'appellatvo di Magnus.
Le due serie che Bunker ha in mente non sono altro che i due fumetti neri per eccellenza che hanno, insieme al Diabolik delle sorelle Giussani, rivoluzionato il fumetto 'per adulti' in Italia: Kriminal e Satanik.
Kriminal nasce nell'agosto del 1964 e si differenzia subito dagli altri fumetti neri per crudeltà, efferatezze e per l'erotismo molto più esplicito (con abbondanza di ragazze in lingerie); dopo pochi mesi è la volta di Satanik che segue le gesta del primo con venature più horror e con un erotismo ancora più 'sfacciato' (ovviamente per l'epoca).
Il sodalizio con Magnus non si interrompe subito lasciando modo alla coppia di sfornare altri capolavori, oltre a fumetti meno riusciti.
Dopo Kriminal e Satanik, nel 1965, Bunker crea Dennis Cobb Agente 018, un efficientissimo agente segreto sulla scia di James Bond e subito dopo, nel 1966, Gesebel un fumetto di fantascienza con protagonista una ragazza, la Gesebel del titolo, eroina femminista con venature sexy. Il fumetto non ha un grande successo e chiude dopo pochi numeri.
Si tratta di fumetti di qualità discontinua e di cui solo alcuni episodi sono disegnati da Magnus.

L'ennesimo capolavoro è dietro l'angolo ed, ancora una volta, si tratta di un fumetto in cui la componente grottesca e la vena satirica sono più pronunciate. Si tratta di Maxmagnus, creato nel 1968, il cui nome fa evidentemente riferimento ai nomi stessi dell'affiatato duo, un fumetto comico ma allo stesso tempo amaro, ambientato in un medioevo fatto di quotidiane ingiustizie e soprusi. Il fumetto dà a Magnus la possibilità di allontanarsi dallo stile realistico utilizzato fino a questo momento e pone le basi per il successivo Alan Ford, nelle edicole dal 1969, il fumetto più famoso di Max Bunker che prende il meglio di quanto prodotto finora dalla coppia e dosa sapientemente gli elementi soffermendosi sul comico ed il grottesco.
Dopo un avvio del fumetto che sembrava deludente la tenacia ha ripagato gli autori che, a partire dal numero 26 ('Superciuk'), hanno avuto finalmente il tanto sperato riscontro favorevole del pubblico.
Alan Ford continua ancora oggi a cura di Max Bunker mentre tra i disegnatori che hanno seguito Magnus sulle pagine del fumetto possiamo citare Paolo Piffarerio, Giovanni Romanini e un giovanissimo Marco Nizzoli che cercherà di 'svecchiare' il segno e lo stile del fumetto adeguandolo ai tempi.
Prima della separazione con Magnus, i due realizzeranno insieme diversi racconti brevi tra i quali il 'classico' western Lurid Scorpion, Il soldatino impiombato, Il piccolo fiammiferaio e una bella versione a fumetti in salsa fantascientifica di Pinocchio purtroppo mai realizzata insieme a Magnus (restano soltanto alcuni bellissimi studi preparatori del disegnatore) e portata invece a compimento da Giampaolo Chies (Pinocchio Super-Robot, del 1981.
Dopo la scissione, avvenuta nel 1975 con il 75mo  numero di Alan Ford ('Cala la tela su Superciuk'), i due ritorneranno insieme in occasione del numero 200 di Alan Ford.

Molti sono i personaggi che Bunker ha creato con altri autori anche durante e dopo il sodalizio con Magnus.
Nel 1974 crea il cinico tenente della polizia di New York Daniel, dai modi spicci e violenti.
Nel 1984, chiusa l'Editoriale Corno, fonda una propria casa editrice, la Max Bunker Press con la quale ancora oggi continua a pubblicare principalmente i suoi fumetti.
Bunker ha al suo attivo anche la pubblicazione di riviste contenitore come Eureka, Bhang, Super-Comics ed è il primo ad aver importato in Italia le storie dei supereroi di Stan Lee (come l'Uomo Ragno e i Fantastici Quattro).

Nel 1990 crea il personaggio di Angel Dark, incursione di Bunker nel fumetto 'hard boiled' caratterizzato da un taglio splatter con venature horror. Nonostante alcuni spunti interessanti (come la non obbligatorietà del lieto fine) Angel Dark non trova il favore del pubblico e chiude dopo pochi numeri.

Nel 1994 vede la luce il personaggio di Kerry Kross (disegni di Dario Perucca) con protagonista una giovane ed avvenente investigatrice privata, efficiente e dai metodi alquanto spicci, fumetto d'azione che si porta dietro anche una modesta tematica omosessuale dati i gusti saffici della bella protagonista.
Seguirà, nel 2000, un'altra giovane eroina, la psicologa Beverly Kerr che oltre ad avere ambientazioni e tematiche simili a quelle di Kerry Kross finirà anche per incrociarne le strade. Ancora una volta le trame del fumetto sono un mix di giallo e azione e sono condite da massicce dosi di violenza.
Subito dopo, nel 2001, è la volta di Padre Kimberly, un prete un po' fuori dagli schemi alle prese con trame dai risvolti giallo/thriller.
L'ultimo personaggio in ordine di apparizione è Pepper Russel, una ragazza nera che grazie al suo impegno riesce a diventare vice procuratore federale a Los Angeles.

Oltre che scrittore di fumetti ed editore Luciano Secchi è anche giornalista e scrittore di romanzi. Da segnalare i gialli della serie Riccardo Finzi che hanno anche ispirato il film Agenzia Riccardo Finzi, praticamente detective di Bruno Corbucci con Renato Pozzetto nei panni del protagonista.

Di seguito l'elenco dei personaggi creati da Max Bunker e l'anno della loro creazione:

- Maschera nera (1962)
- Atomik (1962)
- Capitan Audax (1963)
- Kin della giungla (1964)
- Rio Danger (1964)
- Primula verde (1964)
- Morgan (1964)
- Max Reporter (1964)
- Kriminal (1964)
- Satanik (1964)
- Zorak (1965)
- El Gringo (1965)
- Dennis Cobb Agente 018 (1965)
- Rio River (1965)
- Gesebel (1966)
- Maxmagnus (1968)
- Milord (1968)
- Virus Prik (1968)
- Alan Ford (1969)
- Lurid Scorpion (1970)
- Fouché (1973)
- Daniel (1974)
- Xibor (1979)
- Cliff (1979)
- Boden-Baden (1981)
- Thriller Killer (1981)
- Pinocchio Super-robot (1981)
- Roberspierre  (1989)
- Angel Dark (1990)
- Kerry Kross (1994)
- Beverly Kerr (2000)
- Padre Kimberly (2001)
- Pepper Russel (2008)

(01/12/2008)

Le storie di Max Bunker
elenco completo
I fumetti di Max Bunker
elenco completo
Gli albi di Max Bunker
elenco completo
comments powered by Disqus

Scheda Tecnica

autore:
Max Bunker

Schede consigliate

solange_ico.jpg
graphic novel ed episodi
Martinica Cafè
blackbird_ico.jpg
collane, riviste e fanzine
Black Bird
casco_d_oro_hitta_ico.jpg
graphic novel ed episodi
Zio Paperone e il casco d'oro