L'invasione dei baccelloni

L'invasione dei baccelloni - Omaggio a fumetti al cult L'invasione degli ultracorpi

[storia]

L'invasione dei baccelloni


Galleria immagini

Massimo Mattioli non ha mai nascosto la sua passione per i B-Movie, genere che omaggia di frequente nei suoi fumetti (basti ricordare le sue B-Stories), insieme a tante altre espressioni artistiche, con raffinato gusto pop. Queste citazioni sono presenti sia nei suoi fumetti destinati ad un pubblico maturo sia nelle sue opere destinate ai ragazzi.

Così anche il coniglio fotoreporter Pinky si trova occasionalmente ad imbattersi in queste dotte citazioni. L'invasione dei baccelloni è uno di questi riuscitissimi casi, l'evidente parodia (nemmeno poi troppo parodica essendo la storia abbastanza cupa nonostante lo stile umoristico) in chiave Pinky del classico della fantascienza anni '50 firmato da Don Siegel L'invasione degli ultracorpi (oggetto peraltro di numerosi remake cinematografici). L'oggetto di culto omaggiato da Mattioli è però il primo storico film come evidente sia dalla riproposizione molto fedele della trama (con alcune inquadrature prese di peso dal film ed il ricorso al finale pensato da Siegel ma non utilizzato nel film perché troppo pessimistico per i produttori, finale in cui il protagonista avvisa lo spettatore di stare attento perché potrebbe essere la prossima vittima degli alieni) sia dalla forma piacevolmente naif dei baccelloni.

La storia (all'epoca evidente metafora del "pericolo" comunista) è nota: camminando per le vie della città alla ricerca dei suoi classici scoop giornalistici Pinky si imbatte in varie persone che sembrano non riconoscere più i propri parenti ed amici. Esteriormente immutati, questi personaggi manifestano evidenti anomalie agli occhi delle persone più care, dando l'impressione di simulare emozioni e sentimenti.

Anche uno zio di Petulia, la ragazza di Pinky, sembra destare sospetti nella propria moglie. Mentre Pinky e Petulia cercano di distrarsi dall'evidente stato di tensione in cui versa la città giunge una telefonata di Giorgione, amico del cuore di Pinky. Giorgione mostra ai due terrorizzati amici un suo sosia disteso su un tavolo, un essere in tutto e per tutto simile a lui.

Sembra che dietro tutto ciò ci sia un'impressionante invasione aliena, tutti gli uomini sono sostituiti da esseri privi di emozioni generati attraverso enormi baccelli posti nelle case dei malcapitati esseri umani. Il terzetto fa del proprio meglio per smascherare gli alieni ma l'epidemia sembra diffondersi rapidamente, l'incubazione nei baccelli è troppo rapida e silenziosa e la sostituzione avviene durante il sonno, e non è facile riuscire a rimanere svegli per sempre.

Assolutamente godibile per grandi e piccini, con tocchi decisamente horror ed un allegro gusto macabro debitore dell'originale, L'invasione dei baccelloni è una bella avventura di Pinky pubblicata ovviamente, come tutte le avventure del personaggio, sulle pagine della rivista di fumetti per ragazzi Il Giornalino. Ristampata sul volume dedicato a Pinky dalla collana I maestri del fumetto.

(16/02/2013)

Di seguito alcune delle edizioni pubblicate, in volume o rivista, della storia L'invasione dei baccelloni

comments powered by Disqus

Scheda Tecnica

fumetto:
storia:
L'invasione dei baccelloni
pagine:
5

Schede consigliate

algarve_1460_toppi_ico.jpg
graphic novel ed episodi
Algarve 1460
battaglia_ico.jpg
collane, riviste e fanzine
Battaglia