Fone

Fone, piccola storia di fantascienza per Milo Manara

[storia]

Fone


Un arturiano corre tra le sale deserte e diroccate di un vecchio palazzo ormai distrutto e quasi nascosto dalla fitta vegetazione.
Sembra trapidante e stranamente eccitato; corre verso l'umano portando con sé, in alto nella mano, un piccolo libro dalla copertina nera.
Ben presto ci viene spiegato che i due, l'arturiano di nome Bommmo e l'umano sono gli unici esseri presenti sul pianeta, BORGES PROFETA.
L'atmosfera del pianeta è onirica e surreale con pianure lastricate di mattoni, enormi scalinate che non sembrano portare da nessuna parte e soprattutto montagne e montagne di libri.
A scrivere tutti i milioni di volumi presenti sul pianeta è un immenso elaboratore destinato solo alla compilazione di libri, programmato per unire le lettere dell'alfabeto secondo tutte le combinazioni possibili.
Tra le valanghe di libri si celano quindi volumi senza senso, testi su testi composti da accozzaglie incomprensibili di lettere e sillabe impazzite alternati a milioni di libri ricolmi di struggenti nostalgie e voragini di violenze inaudite.
E tra tutti i libri c'è, ci deve essere per forza, anche quello della storia narrata da Manara, la storia di un umano ed un arturiano dispersi sul pianeta BORGES PROFETA. LFone - Arturiano - Milo Manara'importante è riuscire ad individuarlo.
Ed è proprio questo il libro che l'arturiano stringe con tanta foga tra le sue mani, un libro scovato tra milioni di libri e che può essere la chiave per la fuga dal pianeta verso un radioso lieto fine.
Non resta che leggerlo e seguirne passo dopo passo gli eventi fino alla fine della storia. L'arturiano convinto della bontà della sua scoperta, si getta avido nella lettura del libro cercando di coinvolgere il più scettico amico umano.
Dal libro l'arturiano viene a conoscenza di una scialuppa di salvataggio rimasta integra nell'esplosione dell'astronave avvenuta tempo prima.
Parte la ricerca ed il libro sembra essere quello giusto, riportando più o meno fedelmente ciò che accadrà, salvo alcuni problemi generati dalla composizione di parole non attinenti che sembrano riflettersi nella realtà. Così l'arturtiano si ritroverà improvvisamente catapultato in un campo di fiori o trasformato in una donna solo perché l'elaboratore ha generato per quel libro una parola diversa all'interno del testo.
Tutta una serie di peripezie ed errori linguistici porterà i nostri eroi vicini alla meta ma un'improbabile 'fone' manderà tutto a monte.

Un Manara lontano dal solito erotismo ma assolutamente accattivante, dal tratto estremamente elegante e curato, realizza una piccola storia di fantascienza estremamente godibile. Pubblicata sulla rivista Metal Hurlant e riproposta per la serie di Storie Brevi raccolte dalla rivista TOTEM.
La storia è un aperto omaggio al grande scrittore Jorge Luis Borges di cui rielabora l'idea alla base del racconto breve La biblioteca di Babele. L'omaggio è evidente anche dal nome che Manara dà al pianeta: BORGES PROFETA.

(01/12/2008)

Di seguito alcune delle edizioni pubblicate, in volume o rivista, della storia Fone

Edizioni in volume
comments powered by Disqus

Scheda Tecnica

storia:
Fone
pagine:
8

autore:

Schede consigliate

incantesimo_zio_tibia_creepy_3_ico.jpg
graphic novel ed episodi
L'incantesimo
avventure_tintin_ico.jpg
collane, riviste e fanzine
Le avventure di Tintin
th_comix_n_3_.jpg
albi
Comix