Winsor McCay

Winsor McCay - Il geniale autore di Little Nemo in Slumberland

[autore]

Winsor McCay


Winsor McCay nasce il 27 settembre 1867 a Spring Lake, nel Michigan dove trascorre la sua infanzia. Nel 1886 viene mandato a studiare commercio a Ypsilanti (Michigan) dove avverrà un incontro che sarà fondamentale per la sua carriera, quello col professore di disegno John Goodison. McCay ha sempre riconosciuto il ruolo fondamentale nella sua formazione avuto dal suo professore di disegno, caparbio sostenitore dell'importanza della prospettiva e di come tutto possa essere disegnato conoscendo a fondo la geometria di un cono, una sfera, un cilindro ed un cubo. Sembra che disertasse le lezioni della scuola di commercio (ed anche quelle di disegno) a cui era iscritto per fuggire al parco dei divertimenti Wonderland di Detroit, dove lavorava facendo i ritratti ai passanti e dipingendo le insegne degli spettacoli, iniziando peraltro a disegnare mondi ed esseri fantastici. Da Wonderland (per chi non lo ricordasse Wonderland è il nome del Paese delle meraviglie in cui si avventura la piccola Alice nel capolavoro di Lewis Carroll) a Slumberland (il mondo dei sogni narrato da McCay nel suo fumetto più noto) il passò non sarà tanto lungo.

Little Sammy Sneeze sta per fare danno col suo starnuto
Little Sammy Sneeze sta per fare danno col suo starnuto

Vivrà per un breve periodo a Chicago, le cui architetture avranno una influenza sulle successive rappresentazioni prospettiche presenti nei suoi fumetti e poi si trasferirà a Cincinnati dove lavorerà sempre in un parco divertimenti in stile Wonderland realizzando disegni, manifesti o partecipando a spettacoli in cui disegna dal vivo con impressionante abilità. A cincinnati trova anche la compagna della sua vita Maud Leonore Dufour con cui si sposa e da cui avrà due figli, Robert Winsor (a cui si ispirerà per creare il personaggio di Little Nemo e che seguirà le orme del padre) e Marion Elisabeth.
In seguito accetta la proposta del Cincinnati Time Star di illustrare gli articoli di cronaca. Poi passa al Cincinnati Enquirer per cui disegna il suo primo fumetto, una tavola intitolata Tales of the Jungle Imps. In realtà si tratta di illustrazioni a colori a corredo di filastrocche in rima che spiegano come gli animali della giungla abbiano acquisito le loro caratteristiche (apertamente ispirate ad una analoga opera di Rudyard Kipling). Da questo fumetto in futuro McCay recupererà il personaggio dell'indigeno Jungle Imp per utilizzarlo all'interno del suo fumetto più noto, Little Nemo in Slumberland.

The Story of Hungry Henrietta
The Story of Hungry Henrietta

Tales of the Jungle Imps piace al New York Herald che decide di assumere questo giovane e promettente disegnatore. Nascono così numerose nuove ed interessanti serie. Fra le più famose ed interessanti il fumetto The story of Hungry Henrietta in cui vediamo quanto la Henriette del titolo possa essere affamata, in tavole domenicali pubblicate dal gennaio al luglio 1905. Sempre per il New York Herald McCay crea il personaggio di Little Sammy Sneeze pubblicato fra il luglio 1904 ed il dicembre 1905, nelle cui tavole il piccolo Sammy causa innumerevoli danni col suo starnuto sempre inopportuno e devastante, ottenendo spesso una pedata nel didietro come ricompensa. Anche in  quest'opera le trovate grafiche sono notevoli, restando un po' sacrificato l'aspetto narrativo considerando la monotematicità della trama. Altri personaggi creati da McCay sono Mr. Goodenough, un milionario che tenta con scarsi risultati di praticare attività sportive ed il molto interessante Pilgrim's Progress (che potrebbe essere tradotto con "il procedere del pellegrino") in cui sono raccontate le vicende di un signore che cerca di sbarazzarsi di una valigia con la scritta "Dull Care" (traducibile con "peso delle responsabilità" e che in definitiva rappresenterebbe gli obblighi quotidiani) senza riuscire a disfarsene. Esistono diverse altre interessanti serie a fumetti più o meno note ideate da Winsor McCay fra cui è necessario citare i due grandi capolavori fumettistici realizzati nella sua carriera ed universalmente apprezzati.

Uno dei visionari sogni/incubi dei divoratori di crostini al formaggio
Uno dei visionari sogni/incubi dei divoratori di crostini al formaggio

Il primo fumetto-capolavoro di McCay ossia Dream of the Rarebit Fiend (traducibile con "Sogno di un divoratore di crostini al formaggio") appare sulle pagine del New York Evening Telegram fra il settembre 1904 ed il giugno 1911 (ma in queste tavole McCay si firma con lo pseudonimo di Silas). Già in questo fumetto McCay inizia a lavorare sul sogno, come in Little Nemo. In realtà in questo caso si tratta quasi sempre di incubi, avuti da persone sempre diverse a causa della pesantezza della cena a base di crostini al formaggio. Queste tavole sembrano peraltro poco adatte ad un pubblico infantile e spesso prendevano ispirazione dalle preoccupazioni quotidiane di un newyorchese medio. Deve essere senz'altro riconosciuto il titolo di capolavoro anche a quest'opera, poi portata avanti insieme a Little Nemo in Slumberland. Già in Dream of the Rarebit Fiend McCay sperimenta i suoi spericolati ed innovativi mezzi espressivi: libertà nella costruzione della tavola e delle vignette, utilizzo di tecniche narrative avanzate, inquadrature e movimenti cinematografici, gag metafumettistiche. Le idee che scaturivano da ogni singola tavola sono in seguito riprese da tantissimi artisti, fumettisti, pittori, registi, scrittori, che hanno amato questo autore.
Rispetto al successivo Little Nemo manca l'uso del colore (tranne che in poche tavole) ed una storia di fondo continuativa che consenta una visione unitaria e narrativa dell'opera. Sicuramente anche la cura per le architetture ed i dettagli è inferiore rispetto a Little Nemo, pur restando ad altissimi livelli. Ma le idee e le invenzioni dell'opera sono geniali ed intramontabili tanto da rendere l'opera un gioiello difficilmente dimenticabile.

Little Nemo in Slumberland
Little Nemo in Slumberland

Quello che è considerato il capolavoro assoluto di McCay nonché uno dei più bei fumetti di tutti i tempi (per molti il migliore in assoluto) è la saga onirica e favolistica di Little Nemo in Slumberland. Pubblicata a colori questa serie dimostra al massimo le capacità di McCay in termini di disegno, visionarietà e innovatività nei contenuti e nella costruzione delle tavole. Le visite domenicali del Piccolo Nemo nel mondo dei sogni di Slumberland consentono a McCay di realizzare paesaggi e personaggi fantastici e di sperimentare con libertà assoluta la costruzione della tavola con intuizioni geniali che saranno di ispirazione per molti artisti da allora sino ad oggi.
Questa serie garantisce un successo incredibile a McCay che diviene un'autentica star e dal 1906 comincia ad apparire sulle scene dei music hall disegnando dal vivo per il pubblico. Il successo è tale che Little Nemo diventa una commedia musicale nel 1908 e poi anche un film.
Bisogna dire che Little Nemo ha una vita travagliata, dall'ottobre 1905 al luglio 1911 è pubblicato sul New York Herald, ma negli ultimi mesi di questo periodo le tavole sono realizzate con minor cura a causa del deteriorarsi dei rapporti fra McCay ed il giornale. Infatti dal settembre 1911 al dicembre 1914 il fumetto prosegue sul The New York American con un nuovo nome, ovvero In the Land of Wonderful Dreams ("Nella terra dei sogni meravigliosi"), riprendendo la cura e la qualità dei suoi tempi migliori seppur con una minore libertà nell'impaginazione delle vignette. Il New York American apparteneva al magnate William Randolph Hearst (il personaggio a cui Orson Wells si è ispirato per il suo film Quarto Potere) che garantiva una sicurezza economica non indifferente a McCay ma limitava la sua libertà esigendo la totale disponibilità dell'autore. Anche dopo l'interruzione della serie Little Nemo nel 1914, McCay continuerà a lavorare per Hearst. McCay tornerà al suo personaggio più famoso nel 1924 con una nuova serie pubblicata sul New York Herald fra l'agosto 1924 ed il dicembre 1926 ma non otterrà un grande successo di pubblico e la serie chiuderà definitivamente i battenti (salvo essere ripresa dal figlio Robert negli anni '30). Le tavole pubblicate fra il 1924 ed il 1926 sono quelle meno ristampate e difficilmente reperibili.

Gertie, il dinosauro protagonista di un film d'animazione di Winsor McCay
Gertie, il dinosauro protagonista di un film d'animazione di Winsor McCay

Molto importanti sono le pionieristice sperimentazioni di McCay col cinema di animazione, indimenticabili al riguardo alcuni minuti dedicati a Little Nemo (1911), le avventure preistoriche di Gertie il dinosauro (1914) ed il catastrofico L'affondamento del Lousitania (The Sinking of the Lousitania, 1918), ispirato all'affondamento di una nave durante la prima guerra mondiale con un catastrofico risultato in termini di vittime innocenti.

McCay muore il 26 luglio 1934.

 

 

(01/12/2008)

I fumetti di Winsor McCay
elenco completo
Gli albi di Winsor McCay
elenco completo
comments powered by Disqus

Scheda Tecnica

autore:
Winsor McCay

Schede consigliate

zampa_scimmia_ico_1.jpg
graphic novel ed episodi
La zampa della scimmia
bimbo_corben_mio_dio_s.jpg
graphic novel ed episodi
Bimbo
moebius_a_venezia.jpg
graphic novel ed episodi
Moebius a Venezia