Bonvi

L'arte del Bonvi, biografia ed opere del geniale autore modenese

[autore]

Bonvi


Bonvi, al secolo Franco Bonvicini, è nato a Modena il 31/03/1941 (in realtà risulta essere nato anche a Parma perché la madre lo registrò in tutti e due i comuni per avere due tessere annonarie).
Narra la leggenda che in un radioso pomeriggio dell'agosto del 1963, il sottotenente di complemento Franco Bonvicini, al comando del suo plotone di sei carri armati M-47, di stanza al confine con l'allora Federazione Jugoslava, per futili motivi, oltrepassasse con i suddetti carri il confine. Nonostante un tale atto si configurasse come una dichiarazione di guerra in piena regola, il sottotenente la passò liscia ed imparò molte cose sull'esercito che gli risultarono utili quando diede vita alle sue Sturmtruppen.

sturmtruppen - bonvi
Le Sturmtruppen, il fumetto più famoso del Bonvi

Le Sturmtruppen, le famosissime strisce aventi per protagoniste le truppe naziste al fronte durante la guerra, furono pubblicate su Paese Sera nel 1968 (nello stesso anno vincerà a Lucca lo Yellow Kid d'oro). Ovviamente la satira, pur coinvogendo direttamente le truppe tedesche e i loro alleti, vuole essere una critica feroce contro il militarismo, contro qualunque guerra e contro la stupidità umana.

In realtà le primissime Sturmtruppen erano state pubblicate sulla rivista underground italiana "Off-Side", una rivista che non aveva una tiratura regolare e veniva pubblicata di tanto in tanto.

robot guccini - bonvi
L'amico Guccini rappresentato come
un robottino sfigato

Sulla stessa rivista trovano spazio le storie brevi del Bonvi, storie strane e surreali di pazzi che volevano dirottare tram su Cuba e simili, o di ragionieri a caccia di Helzapoppi.

Dello stesso periodo sono le Storie dello spazio profondo, realizzate insieme all'amico cantautore Francesco Guccini, e pubblicate per la prima volta sulla rivista Psyco.

Sono storie di fantascienza che hanno per protagonisti un essere umano (il Bonvi) e il suo compare robot (Guccini).
In queste storie il Bonvi usa uno stile più realistico e meno caricaturale (stile che aveva già utilizzato per le storie brevi) che nelle Sturmtruppen, anche se il suo segno è sempre riconoscibilissimo.

Nel 1969 crea Capitan Posapiano e Cattivik (una sorta di rivisitazione in chiave comica dei tanti geni del male, tipo Diabolik e Kriminal, nati in quel periodo), portati avanti con l'aiuto di Clod e di Silver.

cattivik - versione originale di bonvi
Cattivik nella versione
originale di Bonvi

Anche qui la leggenda narra che un bel giorno il Silver, negli anni delle agitazioni studentesche, cercando riparo dalle attenzioni dei tutori dell'ordine, si ritrovò nello studio della Playcomics (che altro non era se non lo studio dove il Bonvi produceva i suoi fumetti) e vi rimase per apprendere i rudimenti del mestiere.
Più tardi nel tempo il maestro avrebbe ceduto al discepolo proprio quel Cattivik col quale i due avevano iniziato a lavorare insieme.

Nel 1971 crea per la televisione (per la trasmissione 'Gulp! Fumetti in TV') il personaggio di Nick Carter, parodia di un investigatore privato. Il personaggio diventerà l'anno successivo protagonista anche di storie a fumetti pubblicate sul 'Corriere dei Ragazzi'. Alcune di queste storie non sono state pubblicate perchè ritenute poco adatte al pubblico di riferimento (salvo pubblicarle successivamente su volumi autonomi).

Altro caso di censura si verifica nel 1973 quando il Bonvi non riesce a pubblicare in patria le sue Cronache del dopobomba perché giudicate troppo spinte e raccapriccianti. Effettivamente Bonvi mette in scena una critica feroce dell'umanità e ce la mostra nella miseria di un mondo post-atomico, popolato da mutanti e sopravvisuti che non si risparmiano niente per cercare di sopravvivere. Il fumetto ottiene invece un grande successo in Francia, dove viene pubblicato nel 1974 e darà l'opportunità a Bonvi di lavorare per il mercato francese, realizzanodo Le avventure di Milo Marat.

Tra gli altri lavori che meritano una citazione va sicuramente compreso l'albo L'uomo di Tsushima per la serie 'Un uomo, un avventura', una storia che narra le vicende della guerra tra Russia e Giappone del 1905.

Possiamo ricordare anche alcune collaborazioni dell'autore con riviste come Playboy, Be Bop a Lula e Comix.

Le ultime due storie scritte dall'autore sono state pubblicate postume dalla Sergio Bonelli Editore. Le storie, disegnate da Cavazzano, sono state pubblicate sugli albi Maledetta Galassia e La città, per la serie "I grandi comici del fumetto". In queste storie ritroviamo il Bonvi dei racconti assurdi e paradossali degli esordi (tanto che una delle storie degli albi riprende fedelmente una storia già pubblicata da Bonvi anni prima).

(01/12/2008)

Le storie di Bonvi
elenco completo
I fumetti di Bonvi
elenco completo
Gli albi di Bonvi
elenco completo
Link relativi a Bonvi
Sito ufficiale su Bonvi ricco di gallerie e strisce dell`autore.
ilBonvi - il sito sul mondo del bonvi. Sito non ufficiale ma completissimo sul grande fumettista modenese.
comments powered by Disqus

Scheda Tecnica

autore:
Bonvi
data di nascita:
31/03/1941
data di morte:
10/12/1995

Schede consigliate

the_walking_dead_ico_.jpg
collane, riviste e fanzine
The Walking Dead
addio_chunky_rice_ico_2.jpg
graphic novel ed episodi
Addio, Chunky Rice