Mater Morbi

Mater Morbi - Dylan Dog in un fumetto di Recchioni e Carnevale

[storia]

Mater Morbi


Galleria immagini

Mater Morbi è una delle avventure recenti più amate del fumetto Dylan Dog, uno dei classici dell'ultimo periodo che ha riscosso un grande successo tra i lettori sin dalla sua pubblicazione nel gennaio 2010, sull'albo numero 280 della serie regolare di Dylan Dog.

Del resto ai testi e disegni di questa opera cupa e visionaria troviamo due artisti ben noti ed apprezzati dal pubblico, Roberto Recchioni è l'autore della sceneggiatura (alla sua seconda prova sulla serie regolare di Dylan Dog) mentre i claustrofobici pennelli sono mirabilmente padronati dal poliedrico Massimo Carnevale che con questa storia esordisce sulla serie regolare (ma la coppia di autori aveva già collaborato al primo albo del Dylan Dog Color Fest, datato 2007).

In Mater Morbi Dylan Dog dovrà affrontare un avversario più insidioso e meno appariscente del solito, non un serial killer, una entità aliena, un intrigo giallo o un mistero sovrannaturale, affascinanti temi su cui investigare forieri di successi (per quanto Dylan non sia un eroe classico e non sempre riporti vittorie o garantisca certezze, ed anche in questo risiede parte del suo fascino), ma un nemico invisibile e personale, che porta la battaglia su un territorio interiore e che è per natura un sinonimo di sconfitta e debolezza, ovvero la malattia.

Manifestatosi all'improvviso durante la piacevole intimità con la ragazza di turno, un imprecisato malore porta Dylan in ospedale sottoposto ad innumerevoli accertamenti. Dopo l'iniziale asettica ambientazione, l'ospedale assume rapidamente i contorni di un antro buio e tetro, popolato di infermieri corpulenti e per niente gentili, mentre il dottore destinato a seguire il caso di Dylan presenta le fattezze tutt'altro che rassicuranti di Klaus Kinski.

La storia è quindi una doloroso viaggio ai confini della propria mortalità ma ancor più della propria impotenza, un continuo rovello tra le reticenze dei dottori, i dubbi sulla malattia e la completa sottomissione alle ignote decisioni dei medici.

Nell'inferno dell'ospedale Dylan farà quindi la conoscenza con Mater Morbi, l'affascinante signora delle malattie, intenta a torturare i malati lasciandoli in un limbo tra la vita e la morte, e conoscerà anche il giovane Vincent, pupillo dei dottori dato il suo caso clinico unico, e per lo stesso motivo pupillo di Mater Morbi

Dietro le lugubri e lucide analisi del fumetto, che non potrà non incrociare anche temi quali l'eutanasia, sembra esserci la reale esperienza dello sceneggiatore Recchioni (probabile alter ego del personaggio di Vincent) che riversa nella storia vicende dolorosamente autobiografiche, da cui deriva la precisione chirurgica con cui sono presentate le cupe riflessioni dei malati, mentre l'arte raffinata di Carnevale riesce a ricreare un universo da incubo.

A sancire la fama di culto dell'episodio ci pensa l'editore Bao publishing che nel maggio 2013 propone una splendida edizione deluxe di Mater Morbi in un volume da fumetteria dedicato all'opera, arricchito da numerosi contenuti extra e da un prologo a fumetti inedito ed a colori (di 6 tavole) realizzato sempre da Recchioni-Carnevale appositamente per l'edizione. Il volume è proposto con 2 copertine, quella ufficiale ed una "variant" in soli 1750 pezzi, ed è il primo di una serie di volumi simili dedicata a Dylan Dog da Bao (il secondo, previsto per il 2014, dovrebbe ospitare Il sorriso dell'Oscura Signora di Sclavi e Mari).

(27/06/2013)

Di seguito alcune delle edizioni pubblicate, in volume o rivista, della storia Mater Morbi

Collana: Dylan Dog
comments powered by Disqus

Scheda Tecnica

fumetto:
storia:
Mater Morbi
data pubblicazione:
2010
pagine:
94


personaggi:

Schede consigliate

ringo_ico.jpg
collane, riviste e fanzine
Ringo
missione_alphaville_ico_1.jpg
graphic novel ed episodi
Missione Alphaville
l_uomo_di_tsushima_ico.jpg
graphic novel ed episodi
L'uomo di Tsushima