La rivolta dei sepoy

La rivolta dei sepoy in India vista da De Nardo e Brindisi per la collana Le Storie (Sergio Bonelli Editore)

[storia]

La rivolta dei sepoy


Galleria immagini

India, 1857. le truppe indiane arruolatesi tra le fila dell'esercito inglese, comunemente chiamate sepoy, manifestano segni di insofferenza verso le disposizioni di caricamento dei nuovi fucili, degli Enfield appena giunti dall'Europa in sostituzione degli obsoleti moschetti.

Per caricare i nuovi modelli di fucile era necessario strappare con i denti l'involucro, ingrassato con grasso di maiale o di bue (animali considerati impuri dalla religione musulmana), contenente la polvere da sparo.
Questo andava contro i precetti religiosi dei sepoy, che rifiutarono in massa di adeguarsi alle nuove regole. La cosa fu vista dai militari indiani come un tentativo di convertirli forzosamente al cristianesimo. 

Per non mostrare segni di debolezza, l'esercito di Sua Maestà rimase inamovibile sul punto, impartendo punizioni esemplari a chiunque avesse rifiutato di eseguire le operazioni di caricamento dei fucili, alimentando in questo modo la già crescente tensione indiana verso il colonialismo britannico.

Per quanto assurda, è stata questa la scintilla che ha fatto esplodere la rivolta dei sepoy, ben presto allargatasi all'intero paese; rivolta nota come ammutinamento indiano o anche come Prima guerra d'indipendenza indiana.

Ma questo è soltanto lo sfondo delle vicende narrate da Giuseppe De Nardo ed illustrate da Bruno Brindisi, sulle quali si innesteranno la contrastata storia d'amore tra Jim ed Elisabeth e la rivalità tra i due soldati inglesi, il tenete Jefford ed il sergente Donovan, che sfocerà in aperto conflitto tra i due quando il tenente manderà dei sicari ad uccidere Jim, il figlio di Donovan (avuto da una bibi, come venivano sprezzantemente chiamate le donne indiane, concubine dei soldati inglesi), rivale in amore di Jefford.

Le vicende quindi si dipaneranno tra queste due microstorie e la Storia con la esse maiuscola, ovvero la vera e propria rivolta dei militari indiani, sostenuta da larghi strati della popolazione.

La storia ci insegna come finì la ribellione, soffocata nel sangue e seguita da un più severo controllo inglese sui territori, ma il fumetto di De Nardo e Brindisi si ferma prima, seguendo solo le prime fasi della rivoluzione e gli effetti che questi sconvolgimenti apporteranno alle vicende dei protagonisti.

La struttura della storia è abbastanza collaudata e ben congegnata pur non presentando particolari guizzi di originalità. Gli autori svolgono bene il loro compito ma da avventure non costrette nei limiti, a volte angusti, della serialità ci si potrebbe aspettare qualcosa di più.

La rivolta dei sepoy è la terza avventura della collana Le Storie, pubblicata sull'omonimo albo nel dicembre 2012. 

 

(18/12/2012)

Di seguito alcune delle edizioni pubblicate, in volume o rivista, della storia La rivolta dei sepoy

Collana: Storie
comments powered by Disqus

Scheda Tecnica

storia:
La rivolta dei sepoy
data pubblicazione:
2012
pagine:
110

Schede consigliate

black_crow_ico.jpg
collane, riviste e fanzine
Black Crow
alta_societa_ico.jpg
graphic novel ed episodi
Alta Società