Quaderni ucraini

Quaderni ucraini di Igort (Memorie dai tempi dell'URSS)

[storia]

Quaderni ucraini


Galleria immagini

Ancora una volta Igort dimostra il talento di un grande narratore, grazie alla recente pubblicazione dei suoi Quaderni ucraini - Memorie dai tempi dell'URSS ad opera di Mondadori nella collana Strade Blu, nell'agosto 2010.

In questo caso non ci troviamo di fronte ad un'opera di finzione narrativa bensì ad un "reportage disegnato" come espressamente indicato sulla copertina del volume Mondadori.

Infatti Quaderni ucraini è il risultato di un viaggio lungo quasi due anni che Igort ha effettuato nei paesi dell'ex Unione Sovietica e dal quale ha riportato impressioni, ricordi e racconti. Il viaggio di Igort in Russia è avvenuto nel 2009, anno particolarmente evocativo in quanto coincidente con il ventennale della caduta del Muro di Berlino.

Igort si ritrova a raccontare la sua esperienza nei territori poveri e martoriati dell'Ucraina e della Russia, a descrivere ciò che ha sperimentato e conosciuto, a riportare decenni di storia russa filtrata dal basso, dagli occhi della povera gente che l'ha vissuta in prima persona. Igort racconta tutto senza pregiudizi, senza schematismi ideologici, tracciando il ritratto impietoso di una nazione martoriata da crimini contro l'umanità e popolata di gente comune costretta ad affrontare eventi troppo grandi ed atroci.

Così nei Quaderni ucraini si alternano le scene contemporanee, in cui è presente lo stesso Igort ed in cui possiamo vedere gli scorci dell'Ucraina attuale, conoscere la gente che vive quel paese, l'atmosfera che vi regna, e le scene del passato, ovvero i ricordi delle persone che Igort incontra sul suo cammino e che gli raccontano la loro storia e la loro vita.

Ed i fantasmi del passato hanno il sopravvento sulla realtà contemporanea, le vicende sono riportate fedelmente da Igort, narratore imparziale che racconta con pudore e trascrive nomi di persone e di luoghi e fornisce la data precisa in cui ha raccolto le diverse registrazioni degli eventi.

Le vicende narrate interessano periodi storici diversi. Alcune riguardano gli anni '30, gli anni in cui Stalin ordinò lo sterminio dei kulaki, i piccoli possidenti ucraini colpevoli di non voler aderire alla collettivizzazione. Spesso i kulaki erano povera gente, per essere considerato kulako era sufficiente possedere 2 mucche. Milioni di ucraini sono morti di stenti in quegli anni a causa dell'holodomor, la terribile carestia provocata da Stalin per sterminare i nemici del regime. Molti sono stati i kulaki deportati. La carestia ha dato origine anche a numerosi casi di cannibalismo mentre la regione veniva ridotta nella miseria più totale.

Altre vicende riguardano gli anni successivi alla morte di Stalin, descrivono i cambiamenti nella vita in Russia ed Ucraina, il funzionamento del mondo del lavoro e della società. Non possono mancare accenni al tema del nucleare, ai suoi effetti ed al silenzio che circonda questi argomenti, ma anche alla politica di Gorbaciov, il leader russo più amato in Occidente, ed alle sue conseguenze. Lo stato attuale dell'Ucraina è di immensa povertà anche a causa del definitivo abbandono della vocazione agricola, non più favorita dallo Stato, con l'abbandono dei piani quinquennali e dei kolkhoz. L'Ucraina, definita un tempo "granaio d'Europa", è ora caratterizzata da distese sterminate di campi incolti e l'avvento del capitalismo sembra aver portato la gente verso l'indifferenza e l'egoismo.

Quaderni ucraini è realizzato con uno stile minimalista ed elegante, discreto ma fortemente espressivo. Nel racconto si alternano sezioni in bianco e nero e sezioni a colori. Solitamente sono ralizzate in bianco e nero, con illustrazioni grandi, scontornate e dal tratto sporco, le digressioni storiche utili per aiutare il lettore a comprendere meglio il contesto e la storia dell'Ucraina e della Russia (arricchite dalle gigantografie dei "grandi" e criminali leader). Sono invece realizzate con colori delicati e discreti (spesso discendenti dal rosso) e con vignette regolari e pulite gli episodi in cui Igort trasforma in fumetto le narrazioni "minime" che ha registrato dalla viva voce dei protagonisti.

Quaderni ucraini è la prima parte di un dittico realizzato da Igort sulla storia della Russia e dell'Ucraina, che si completa con il fumetto Quaderni russi - La guerra dimenticata del Caucaso. Sicuramente un'opera importante, visivamente affascinante e narrativamente toccante, grazie allo sguardo poetico con cui Igort riesce a guardare il mondo ed interpretarlo.

(17/02/2011)

Di seguito alcune delle edizioni pubblicate, in volume o rivista, della storia Quaderni ucraini

Collana: Strade Blu
comments powered by Disqus

Scheda Tecnica

storia:
Quaderni ucraini
data pubblicazione:
2010
pagine:
172

autore:

Schede consigliate

angel_dark_il_giustiziere_solitario_ico.jpg
graphic novel ed episodi
Il giustiziere solitario
angel_dark_n_1_aids.jpg
graphic novel ed episodi
Aids