Arzach

Arazch - Antologia Moebius n. 7

[albo]

Arzach


Arzach è il settimo volume della collana By the Sweat of One's Brow (Antologia Moebius) edita da Alessandro Distribuzioni.

Il volume di Arzach è chiaramente dedicato ad uno dei personaggi/fumetti più noti di Moebius, ovvero a quell'Arzach ptero-guerriero protagonista di oniriche avventure in un mondo fantasy tra il futuristico ed il medioevale.

Il volume ospita le storie mute del personaggio realizzate da Moebius negli anni '70, storie che hanno scardinato le regole del fumetto conosciuto portando ad una ricchezza figurativa precedentemente appannaggio delle illustrazioni.

La maggior parte delle storie ha un titolo che è una variante del nome Arzach, sono quindi presenti episodi dai titoli Arzach, Harzak, Arzak e simili. Numerose sono le splendide illustrazioni ospitate sul volume che raffigurano Arzach ed il suo pterodattilo.

Oltre alle storie anni '70 pubblicate su Metal Hurlant, è presente un'avventura più recente di Arzach, datata 1987, che riprende come titolo Arzach, già usato in un precedente episodio. Questa storia, a differenza delle precedenti, non è muta.

Infine è presente la breve storia, in bianco e nero, La deviazione, pubblicata originariamente sulla rivista francese Pilote, storia che rappresenta un po' il momento di passaggio dai fumetti di Jean Giraud alle futuribili visioni di Moebius.

La prefazione al volume, firmata da Moebius, fornisce qualche informazione sulla genesi e sull'importanza dei fumetti pubblicati.

Elenco delle storie presenti sul volume:

ordinestoriafumettoautoricoloretipopagine
1ArzachArzachMoebiuscoloreracconto completo8 pagine
2HarzakArzachMoebiuscoloreracconto completo8 pagine
3ArzakArzachMoebiuscoloreracconto completo8 pagine
4HarzakcArzachMoebiuscoloreracconto completo6 pagine
5La deviazioneMoebiusb/nracconto completo7 pagine
6HarzackArzachMoebiusb/nracconto completo2 pagine
7ArzachArzachMoebiuscoloreracconto completo5 pagine
8ArrzakArzachMoebiuscoloreracconto completo3 pagine

(15/10/2011)

comments powered by Disqus